20.4.06

Tetsuo



Mentre cerco di venire a capo della montagna di risposte che ho avuto allo scorso post (che tristezza! - scherzi a parte, grazie a chi mi ha mandato ottimi consigli...), ho trovato questa installazione(attenzione! filmato di circa 5Mb raccomandato solo a chi ha una connessione veloce ad internet) che mette insieme la mia passione per l'arte e per la robotica (e, diciamocelo, per le cose strane). Altro che IKEA. Penso che vedere una sedia che si monta da sola non sia una cosa che capiti tutti i giorni.

Questi artisti non sono nuovi a questo genere di cose, la chiamano 'arte dinamica interattiva', ed una loro gustosa installazione di un tavolo semovente e'stata anche in mostra alla biennale di Venezia qualche anno fa.

E se vi chiedete che caspita c'entrino titolo e immagine col resto del post, chiaramente avete bisogno di andarvi ad informare. E se non vi bastasse ed avete uno stomaco forte, ecco un assaggio di quello che vi siete persi (filmato di circa 2Mb).

3 comments:

Marta said...

Buono a sapersi!
Sei un appassionato di arte contemporanea, quindi....
Terro' presente per i prossimi suggerimenti!

Anonymous said...

Sganghi quello che mi manca in questi giorni è il tempo, non la voglia di risponderti. Mica dormo 3 ore a notte come te...:))

Comunque volevo dirti che sono contenta, molto contenta di leggere il tuo blog. Spero continuerai a proporci un sacco di argomenti interessanti su cui leggere e riflettere.


un abbraccio
f

silvia said...

Io ci provo a scrivere un commento... ma l' unica cosa che mi viene in mente è che questa sedia è un po'....autodistruttiva...Non mi dire che fra un po' dovremo mandare anche le sedie, i tavoli i peluche, (i peluche no!)dallo psicologo.Va beh, meriterebbe un commento più lungo, autoreferenziale, forbito, intelligente, intellettuale....perché è un' opera futuribile o postfuturista??? ma il mio io in questo momento è in bagno e comunque non si sente all' altezza...
L' intento era solo quello di elargir buon umore, non so se è andato a buon fine: in ogni caso spero non mi caccerai dal blog!
baci ammaccati anche da parte del mio sgabello... silvia